Forex trading dollaro-yen giapponese USD/JPY

Il cambio tra Euro e Dollaro statunitense è il grande protagonista del mercato del Forex, nel senso che almeno un terzo del totale degli scambi giornalieri coinvolge queste due valute, ma sono sempre di più i trader che tengono d’occhio la coppia USD/JPY, ovvero quella che segue il tasso di cambio tra Dollaro e Yen giapponese.

Forex trading USD/JPY

Prima di approfondire un pochino il discorso sulla coppia USD/JPY proviamo a spiegare nel modo più semplice possibile in cosa consiste il Forex trading. In questo tipo di mercato gli operatori vendono o comprano valute: l’obiettivo è naturalmente quello di ottenere un profitto scambiando una valuta con un’altra, sperando che la valuta che è stata acquistata possa aumentare di valore nei confronti di quella che è stata venduta. L’andamento delle monete è rappresentato dal tasso di cambio, ovvero il rapporto tra una valuta e l’altra. Nel caso specifico, il cambio USD/JPY esprime quanti Yen giapponesi sono necessari per comprare un Dollaro statunitense. Le valute sono sempre espresse in coppie: quella che viene indicata per prima (in questo caso USD) è la valuta principale, mentre quella che viene indicata dopo (in questo caso lo JPY) e la valuta secondaria.

La valuta principale rappresenta la base per le operazioni che si intendono fare: in questo caso chi compra USD/JPY sta comprando Dollari e vendendo Yen. Chi compra spera che il valore della valuta principale (che sta acquistando) possa aumentare, in modo da poterla rivendere ad un prezzo più alto di quello pagato; tradotto in gergo tecnico, questo si dice andare long. Chi invece vende spera che il valore della valuta principale scenda, in moda da poterla riacquistare in seguito ad un prezzo più basso; in gergo tecnico questa operazione viene chiamata andare short (o shortare).

Come investire sul cambio Dollaro-Yen giapponese

Per investire sul cambio Dollaro-Yen giapponese consigliamo di utilizzare la . Si tratta di una piattaforma estremamente intuitiva, adatta anche a chi ha pochissima o nessuna esperienza di trading. La piattaforma Markets.com mette a disposizione un conto demo, completamente gratuito e illimitato. Il conto demo può essere utilizzato per cominciare a fare trading con denaro virtuale, senza rischi di perdita.

Tutti coloro che si iscrivono possono consultare il materiale didattico di alta qualità di Markets.com: oltre a video corsi e ebook, ci sono anche webinar e persino corsi dal vivo che si tengono nelle principali città italiane.

Aprire un conto con Markets.con è veramente facile: basta cliccare qui e inserire i tuoi dati. Ricordati che il trading potrebbe comportare rischi di perdita.

Molti investitori scelgono di fare trading sulla coppia USD/JPY perché la considera un’attività lucrosa che coinvolge le monete di due delle più importanti potenze economiche del mondo. Perché abbiamo utilizzato il termine lucroso? Semplicemente perché stiamo parlando di un asset che ha un trend abbastanza semplice da individuare e seguire. Questo cambio ha un movimento abbastanza regolare nei confronti delle altre coppie e la sua buona redditività è uno degli ingredienti che hanno determinato il gradimento dei trader.

Il Dollaro USA è la moneta più scambiata nel mercato del Forex, lo conosciamo molto bene nel rapporto con l’euro. Ciò è normale, visto che gli Stati Uniti sono la più grande potenza economica mondiale, mentre lo Yen risulta essere la terza valuta più popolare (il Giappone è un grande esportatore) e viene spesso utilizzata nella strategia di carry trade, ovvero quella pratica che consente di guadagnare sul differenziale dei tassi d’interesse. Il Dollaro è storicamente un valore rifugio, mentre lo Yen con il suo tasso d’interesse basso si mantiene a valori minimi per favorire una maggiore competitività del Paese nelle esportazioni.

Il cambio Dollaro-Yen giapponese è influenzato dai classici fattori macroeconomici che si fanno sentire su tutte le valute, ovvero tassi d’interesse, inflazione, occupazione, trade balance. Inutile dire che un ruolo fondamentale viene giocato dalle rispettive banche centrali, ovvero Federal Reserve (per gli amici Fed) e Bank of Japan (BoJ), quindi è importantissimo rimanere sempre aggiornati sui loro comunicati, visto che gli interventi di politica monetaria vengono sempre annunciati in anticipo. Per quanto riguarda il Giappone, gli aspetti da tenere sotto controllo sono principalmente la produzione industriale e l’esportazione, ma anche l’importazione di materie prime come petrolio o altre risorse naturali (un aumento del loro prezzo darebbe origine ad un indebolimento dello Yen); sul fronte USA invece bisogna monitorare i dati relativi all’impiego e al settore immobiliare (più questi aspetti vanno bene e più il biglietto verde si apprezza).

Quotazione attuale e caratteristiche della coppia USD/JPY

In questo periodo il biglietto verde è ancora spinto dalla speranza che entro la fine dell’anno la Fed decida di intervenire con un aumento dei tassi d’interesse: anche se gli ultimi dati sul mercato del lavoro non sono stati particolarmente brillanti, le possibilità di una stretta da parte della Fed entro la fine del 2016 sono salite dal 50% al 70% nel corso dell’ultimo mese. Nel momento in cui scriviamo il cambio si aggira intorno a quota 103,57 e gli esperti sono favorevoli ad un’impostazione ribassista per il lungo termine, visto che il Dollaro continua a rafforzarsi e dal canto suo la Bank of Japan sembra disposta ad un ulteriore allentamento della politica monetaria, con un’espansione del programma di acquisto e la conferma dei tassi negativi.

Riassumendo, le caratteristiche principali del Forex trading su USD/JPY sono le seguenti:

  • Parliamo di una coppia molto volatile e soggetta a picchi a breve termine tra i 20 e i 40 pips;
  • Le altre coppie rapportate con lo Yen (ad esempio EUR/JPY o GBP/JPY) possono influenzare l’andamento dei prezzi della coppia Dollaro-Yen giapponese;
  • Il cambio USD/JPY è molto popolare soprattutto perché di solito lo spread è abbastanza basso e competitivo;
  • Essendo la seconda coppia più scambiata non è difficile reperire le notizie economiche che possono influenzarne l’andamento e per questo viene considerato un investimento abbastanza semplice da seguire.