Trading Materie Prime: quali comprare? Guida completa [2023]

In questa guida vedremo nel dettaglio come fare trading sulle materie prime. Durante gli ultimi anni, sempre più investitori hanno deciso di concentrarsi su questo settore, in modo da poter diversificare il proprio portafoglio.

Dopo i mercati forex e quello azionario, comprare materie prime è una delle scelte alternative più efficaci.

Con il termine materie prime s’intendono i materiali ed i prodotti utilizzati per produrre altre tipologie di beni. L’investimento in commodities rappresenta uno degli strumenti finanziari più vitale per ogni trader.

Esistono delle materie prime estremamente ambite da chi opera sui mercati finanziari: l’Oro, Petrolio, Argento. Queste sono le commodities più conosciute tra il grande pubblico, ma non sono le sole sulle quale è possibile investire.

In linea di massima, le migliori soluzioni d’investimento tramite le materie prime sono numerose. Durante la guida ci occuperemo di illustrare sia le migliori materie prime che le piattaforme più adatte ad investire. Abbiamo scelto esclusivamente piattaforme sicure e facili da utilizzare, anche per gli utenti alle prime armi.

Queste piattaforme sono così facili da utilizzare che, per esempio, esistono strumenti come il Copy Trading di eToro. Questa soluzione ti consente di copiare le operazioni degli altri investitori della piattaforma in commodities che in passato hanno ottenuti ottimi risultati.

Per iscriverti su eToro, puoi farlo cliccando qui.

Qui di seguito puoi trovare la tabella riepilogativa delle più importanti materie prime.

📈 Materie Prime Energetiche Petrolio, gas, benzina
💰 Materie Prime Dure Oro, Argento, Rame
💡 Prodotti morbidi Bovini, carne, pancetta
📚 Materie prime morbide caffè, mais, grano, soia

Che cosa sono le materie prime

Le materie prime, in gergo tecnico “le commodity” sono il mais, la farina, il petrolio ed i metalli. L’investimento in materie prime consiste nell’acquisto e nella vendita di queste materie prime. A volte comporta la compravendita fisica dei beni. Ma più spesso, avviene attraverso i contratti futures, in cui ci si impegna a comprare o vendere una merce a un determinato prezzo durante una data specifica.

Le materie prime, possono aggiungere diversificazione al vostro portafoglio e fornire una copertura contro l’inflazione.

Tuttavia, c’è da specificare che le materie prime sono altamente volatili. La negoziazione delle materie prime è complessa perché fattori come gli eventi meteorologici e le lotte politiche, spesso difficili da prevedere, possono avere un impatto eccessivo sui prezzi.

Continua a leggere per scoprire le basi del funzionamento del trading finanziario di materie prime e alcuni modi alternativi per operare sulle materie prime.

Le migliori materie prime da comprare

Le migliori materie prime su cui investire
Le migliori materie prime su cui investire

Gli investitori suddividono le commodity in due categorie: hard e soft. Le materie prime dure richiedono l’estrazione o la trivellazione per essere trovate. Le soft commodity sono coltivate o allevate. Esistono quattro tipi principali di materie prime.

  • Prodotti agricoli: Materie prime morbide. Includono colture come caffè, mais, grano, soia, cotone e legname.
  • Bestiame e carne: Prodotti morbidi. Comprendono bovini vivi, carne di manzo, pancetta di maiale e latte.
  • Prodotti energetici: Materie prime dure. Includono petrolio greggio, gas naturale, benzina senza piombo, propano, etanolo e carbone.
  • Metalli: Materie prime dure. Comprendono metalli preziosi come l’oro e l’argento e metalli industriali come il rame, l’alluminio e il palladio.

Materie prime vs mercato azionario

I prezzi delle materie prime sono spesso soggetti a fluttuazioni improvvise a causa delle variazioni della domanda e dell’offerta.
Per esempio, quando c’è un grande raccolto di una certa coltura, il prezzo di solito scende. Quando c’è una siccità, i prezzi spesso aumentano per il timore che l’offerta diminuisca.

Allo stesso modo, quando fa freddo, la domanda di gas naturale per il riscaldamento aumenta. Anche questo provoca un’impennata dei prezzi. Ma un periodo di caldo durante l’inverno può far scendere i prezzi.

Alcune materie prime sono relativamente stabili, come l’oro, che funge anche da riserva per le banche centrali. In generale, però, le materie prime sono molto più volatili delle azioni e delle obbligazioni.

Alcuni investitori sono alla ricerca di materie prime per diversificare il proprio portafoglio. Le materie prime hanno di solito una correlazione negativa (i loro prezzi si muovono in direzioni diverse) o bassa (i loro prezzi non si muovono allo stesso modo) con le azioni.

Per esempio, il petrolio e le azioni tendono ad avere una correlazione negativa. Ciò significa che l’aumento dei prezzi del petrolio è tradizionalmente legato a un mercato azionario più debole. Allo stesso modo, il mercato azionario è spesso più forte quando i prezzi del petrolio sono bassi.

Per questo motivo, le materie prime sono una copertura popolare del mercato azionario. Molti investitori si rivolgono all’oro, ad esempio, durante un mercato ribassista. Le materie prime sono anche una copertura comune contro l’inflazione. Un’inflazione elevata spesso fa impennare i prezzi delle materie prime; le azioni e le obbligazioni hanno una performance migliore quando l’inflazione è più bassa.

Come fare investire sulle materie prime

Il trading di materie prime non è l’unico modo per investire nelle commodity. Ecco quattro modalità molto utilizzate.

1. Investire direttamente nella commodity

Il modo (apparentemente) più semplice per investire in materie prime è quello di acquistare fisicamente la merce. Il vantaggio è che non si deve ricorrere a terzi. In genere è possibile effettuare una semplice ricerca su Internet per trovare un rivenditore che vi venda un determinato bene. Quando non lo si vuole più, spesso il rivenditore lo riacquista. Ma dovete pensare alla logistica della consegna e dello stoccaggio.

Se state acquistando oro, questo può essere relativamente semplice. Potete facilmente trovare un commerciante di monete online che vi venda un lingotto o una moneta. Potete conservarlo in modo sicuro e in seguito venderlo come desiderate. Tuttavia, in questo caso le possibilità di venire truffati, sono molto alte.

Diventa poi ancora più difficile quando si cerca di capire come consegnare e immagazzinare il bestiame, il petrolio greggio o le materie prime agricole, come i bushel di mais. Per questo motivo, l’investimento nella maggior parte delle materie prime fisiche richiede in genere uno sforzo eccessivo per gli investitori individuali.

2. Fare trading sui contratti futures

È possibile negoziare i derivati delle materie prime, come i contratti futures, purché si disponga di un conto di intermediazione che lo consenta. Tuttavia, i contratti futures sono in gran parte pensati per le grandi aziende che operano nel settore delle materie prime piuttosto che per i singoli individui.

Quando si fa trading sui futures viene richiesto di mantenere una certa quantità di capitale, nota come margine, nel vostro conto di intermediazione. Un rischio del trading di materie prime è che i requisiti di margine sono spesso inferiori a quelli delle azioni.

Quando si fa trading finanziario con margine, si tratta di denaro preso in prestito, il che può amplificare le perdite. Data la volatilità dei prezzi delle materie prime, è essenziale avere a disposizione risorse sufficienti per coprire eventuali richieste di margine, ovvero quando il broker richiede di depositare più denaro.

3. Trading in azioni di materie prime

Un altro modo per investire nelle materie prime è quello di acquistare azioni delle società che le producono. Ad esempio, si possono acquistare azioni di metalli, di energia o di carne.

Un’azienda produttrice di commodity non necessariamente aumenterà o diminuirà in base alla commodity che produce. Certo, una società di produzione di petrolio beneficerà quando i prezzi del greggio aumenteranno e soffrirà quando scenderanno. Ma molto più importante è la quantità di petrolio che ha nelle sue riserve e se ha contratti di fornitura lucrativi con acquirenti ad alta domanda.

4. Trading su ETF e fondi comuni di investimento sulle materie prime

I fondi negoziati in borsa (ETF) e i fondi comuni di investimento offrono un’esposizione alle materie prime per coloro che non vogliono acquistarle direttamente. È possibile trovare un fondo d’investimento che investe in materiali fisici, azioni di materie prime, contratti futures o una combinazione.

Ad esempio, gli investitori che desiderano un’ampia esposizione all’oro possono investire nello SPDR Gold Trust ETF, mentre chi è favorevole ai prezzi del petrolio può acquistare azioni dello United States Oil Fund LP. Chi desidera una maggiore esposizione alle materie prime in generale, può investire nell’iShares S&P Commodity-Indexed Trust. L’indice di riferimento del fondo è l’S&P GSCI, che comprende 24 materie prime di tutti i settori merceologici.

Tuttavia, i fondi sulle commodity potrebbero non muoversi in sincronia con il prezzo del bene sottostante. Questo potrebbe sorprendere gli investitori alle prime armi.

5. Trading sulle materie prime con i CFD

Come abbiamo visto, sono presenti molte modalità per investire in materie prime. Molte di queste modalità sono estremamente difficili da utilizzare ed hanno dei requisiti monetari non indifferenti.

Fortunatamente, per chi vuole investire con piccole somme ed ottenere i rendimenti migliori, esistono delle piattaforme adatte. Prima di tutto, consigliamo di utilizzare tutte quelle piattaforme che non applicano commissioni sull’eseguito e che non hanno alcun tipo di costo fisso. Eliminando questi costi, sarà subito possibile massimizzare gli eventuali profitti.

E’ importante poi sottolineare che chi investe nelle materie prime ha la possibilità di guadagnare sia quando il prezzo scende, che quando sale.

In che modo, se crediamo che il prezzo sia destinato a salire, si acquista la materia prima. Se invece si crede che il prezzo scenderà, si potrà vendere allo scoperto.

La vendita allo scoperto è un operazione semplice da fare, con un semplice click, che genera rendimenti nel momento in cui il valore della materia prima scende. Non bisogna comprare prima di vendere allo scoperto.

Molti utenti alle prime armi, purtroppo non sono al corrente di questa opportunità e quindi riescono ad ottenere un rendimento sono quando le materie prime crescono.

Le migliori piattaforme per fare trading in materie prime

La possibilità di vendere allo scoperto non è la sola caratteristica che deve avere una buona piattaforma per fare trading sulle commodities. E’ sempre necessario operare con piattaforme d’investimento che siano oneste, sicure ed affidabili.

Soltanto le piattaforme regolamentate ed autorizzate possono garantire il rispetto di questi requisiti.

Inoltre, è di fondamentale importanza investire con piattaforma senza commissioni, in special modo se il capitale a disposizione è piccolo (le migliori piattaforme richiedono un capitale compreso tra i 50 ed i 250 euro).

Vediamo quindi quali sono le tre migliori piattaforme attualmente disponibili per fare trading sulle materie prime.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Azione Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: liquidityx
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso gratuito
  • Trading Central
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    eToro

    Questa  una delle migliori scelte consigliate per gli utenti alle prime armi che desiderano investire nelle materie prime. Si tratta di una piattaforma estremamente facile da utilizzare. La caratteristica più apprezzata dagli utenti alle prime armi è la possibilità di copiare le mosse degli altri investitori.

    Molti utenti alle prime armi utilizzano eToro, dunque per individuare i migliori investitori, coloro che hanno ottenuto in passato i profitti più alti con i rischi più bassi, e duplicare le loro mosse. Il vantaggio è di tipo doppio: è possibile ottenere fin da subito ottimi risultati ed imparare osservando in tempo reale le mosse dei più grandi esperti.

    Questo sistema, altamente evoluto e leader del mercato, si chiama Copy Trading.

    Clicca qua per aprire un conto gratuito su eToro.

    XTB

    La piattaforma di XTB è l’altra grande opzione per gli utenti alle prime armi che desiderano iniziare ad investire in materie prime senza fare errori e senza il rischio di venire truffati. Stiamo dunque parlando di una piattaforma estremamente semplice da utilizzare, anche per chi non ha mai investito prima d’ora.

    Tutti gli utenti iscritti ricevono l’assistenza gratuita di un vero esperto di investimenti che fornisce indicazioni e consigli utili.

    La piattaforma di XTB è totalmente gratuita, non applica commissioni e costi di alcun tipo. Oltre a questo, è anche possibile investire con una piattaforma demo, totalmente illimitata e senza vincoli.

    Puoi aprire un conto su XTB facendo click qui.

    LiquidityX

    LiquidityX è una piattaforma professionale per investire in materie prime e in tutti gli altri principali mercati finanziari. Su questa piattaforma è possibile investire su tutte le materie prime senza commissioni. L’interfaccia grafica è estremamente intuitiva, in quando mette a disposizione strumenti molto utili per l’investitore.

    La piattaforma di LiquidityX è molto apprezzata da chi investe nelle materie prime, in quanto consente di operare su numerose commodities (in maniera superiore anche a tutte le altre piattaforme).

    LiquidityX Investire in Materie Prime
    LiquidityX Investire in Materie Prime

    Con LiquidityX è possibile investire sulle seguenti materie prime:

    • Oro
    • Argento
    • Zinco
    • Rame
    • Alluminio
    • Nickel
    • Cacao
    • Maos
    • Frumento
    • Caffè
    • Palladio
    • Zucchero
    • Cotone
    • Platino
    • Riso
    • Gas
    • Brent
    • Petrolio

    Tra i grandi vantaggi di LiquidityX, c’è la possibilità di richiedere i segnali di trading gratuiti, generati da Trading Central, uno dei consorzi di ricerca analitica dei mercati più premiate al mondo.
    Questi segnali, consentono di ottenere un’indicazione sulla direzione d’acquisto e il punto d’acquisto, consentendo quindi all’investitore di massimizzare i rendimenti.

    Clicca qua per richiedere gratuitamente i segnali di trading di LiquidityX.

    Un altro vantaggio molto importante di LiquidityX è il corso gratuito disponibile per tutti gli iscritti. Questo corso illustra come si investe sulle materie prime ed è incentrato sulla pratica.

    Clicca qua per richiedere il corso di LiquidityX.

    Tra gli altri grandi vantaggi di LiquidityX c’è anche la possibilità di investire con la leva finanziaria sulle principali materie prime. Oltre a questo, è anche disponibile la modalità di trading in demo, ideale per chi sta muovendo i primi passio.

    Puoi iscriverti su LiquidityX cliccando qui.

    Materie prime

    Considerazioni finali

    Investire nelle materie prime è una scelta senza dubbio molto intelligente, sopratutto in questo periodo d’incertezza economica. Per ottenere successo in questo mercato è però necessario essere preparati e conoscere alcune tecniche (che è possibile imparare con questo corso, gratuitamente) e utilizzare piattaforme facili da utilizzare, sicure ed affidabili.

    Durante gli ultimi anni, le migliori piattaforme CFD hanno incluso le materie prime nella loro offerta. Quindi oggi è possibile iniziare anche con pochi fondi partendo anche con solo 50 euro.

    Per iniziare ad investire da oggi in materie prime, clicca qua.

    Come investire sulle materie prime?

    Per investire sulle materie prime è necessario registrarsi su una piattaforma regolamentata, depositare la somma desiderata ed iniziare ad operare.

    Quali sono le principali materie prime?

    Le principali sono il Petrolio, l’oro oppure l’argento. Ma sono presenti moltissime altre materie prime, come la soia e il grano.

    Che cosa sono le materie prime?

    Sono tutti quei materiali ed i prodotti utilizzati per produrre altre tipologie di beni.