Trading indice Grecia 20 FTSE: quotazione oggi

Facciamo la conoscenza dell’indice Grecia 20 FTSE, vediamo la sua quotazione di oggi e scopriamo come fare trading. Come abbiamo avuto modo di ripetere spesso, il numero delle persone che si avvicina al mondo del trading online è in costante aumento: molti vi si accostano in modo consapevole con la voglia di imparare e investire tempo e denaro, altri lo fanno perché attratti da facili guadagni (illusi!), mentre altri lo fanno perché sono alla ricerca di trovare modi alternativi per arrivare a fine mese. Molti preferiscono avvicinarsi al settore degli investimenti optando per soluzioni e strumenti meno rischiosi e scelgono di fare trading sugli indici piuttosto che sulle azioni di singole società.

Trading Grecia 20 FTSE e altri indici

Prima di affrontare il discorso relativo agli indici e in particolare al Grecia 20 FTSE è opportuno chiarire cosa sono gli indici di Borsa, già trattati di recente con lo Svizzera 20 SMI su questo sito. Spesso se ne sente parlare tra le notizie dei vari telegiornali di economia, ma non tutti sanno di cosa si tratta. Per definirli in pochissime parole si può dire che gli indici di Borsa sono degli indicatori che sintetizzano l’andamento del valore di un determinato gruppo di titoli azionari raggruppati in un paniere. Il valore degli indici può esser calcolato con diversi metodi: ci sono quelli dove tutti i titoli hanno lo stesso peso (in questo caso si parla di indici Equally Weighted), quelli in cui i titoli hanno un peso diverso in base al proprio prezzo (indici Price Weighted) e quelli in cui i titoli hanno un peso proporzionalmente collegato alla loro capitalizzazione in Borsa (indici Value Weighted).

Poche righe fa abbiamo scritto che molti trader scelgono di investire sugli indici invece che sulle azioni perché risulta essere più semplice. Probabilmente questa affermazione è vera, ma bisogna partire dal presupposto che nel mondo degli investimenti non c’è nulla di veramente semplice e che ogni tipo di attività richiede un livello di preparazione adeguato: si parla sempre di investimenti che presentano un determinato grado di rischio, quindi non è il caso di prendere le cose sottogamba. Anche per questo motivo è meglio optare per un broker che dà ai suoi clienti l’opportunità di fare un po’ di pratica con il conto demo: si potrà prendere confidenza con gli strumenti a disposizione dalla piattaforma e con gli andamenti degli indici di Borsa. Tornando al discorso precedente, si dice che fare trading sugli indici sia meno rischioso perché non si deve scommettere sull’andamento del titolo di una singola azienda, ma sul trend medio del paniere in questione, che in linea di massima è più semplice da studiare e individuare.

Non è possibile fare operazioni dirette sugli indici, ma l’investitore ha a disposizione un’ampia gamma di strumenti finanziari derivati che possono avere proprio gli indici come sottostante; tra questi strumenti segnaliamo gli ETF (Exchange Traded Fund, particolari fondi di investimento caratterizzati da una gestione passiva e dal fatto che sono quotati in borsa con modalità analoghe ad azioni ed obbligazioni), i CFD (Contract For Difference, consentono di non negoziare direttamente l’attività finanziaria sottostante ma di scambiare denaro in base alla variazione del suo valore), le Opzioni (contratti finanziari che danno al compratore la facoltà di acquistare un’attività sottostante ad un determinato prezzo “strike” ad una certa data o entro una certa data), le Opzioni Binarie (spesso chiamate le scommesse del trading: chi acquista un’opzione binaria punta sulla direzione del prezzo del sottostante) e i Futures (contratti che obbligano ad acquistare o vendere ad una data futura una determinata quantità di un’attività finanziaria ad un prezzo già fissato). Sulle pagine di questo sito sarà possibile trovare degli approfondimenti su gran parte degli strumenti appena visti.

Una delle migliori piattaforme per puntare all’indice Grecia 20 FTSE è Plus500: si tratta di una piattaforma user frendly, degna di fiducia, completamente gratuita e senza commissioni. Puoi ottenere gratuitamente un conto di trading su Plus500 cliccando qui.

Cos’è l’indice Grecia 20, quotazione di oggi e situazione economica del Paese

Più o meno tutti conoscono (o almeno ne hanno sentito parlare) gli indici di Borsa più famosi come gli italiani Mibtel o Mib30, gli statunitensi Nasdaq e Dow Jones, il giapponese Nikkei o il tedesco Dax; ma ci sono tanti altri indici meno conosciuti tra cui si potrebbe nascondere qualche buona opportunità di investimento: in questo sito abbiamo già parlato dello Svizzera 20, mentre oggi diamo uno sguardo all’indice Grecia 20 FTSE, meglio conosciuto come Athex 20. Stiamo parlando dell’indice che comprende le principali 20 società del mercato di Atene, capitale della Grecia: è nato nel settembre del 1997 partendo da 1.000 punti come base; il suo obiettivo è quello di fornire una rappresentazione in tempo reale delle performance delle 20 compagnie più importanti in termini di capitalizzazione presenti alla Borsa di Atene.

La quotazione di oggi del Grecia 20 è di 1.565,67. Molti ricorderanno quanto la crisi abbia colpito il Paese ellenico e per quanto tempo si sia parlato addirittura di un’ipotesi Grexit. L’indice Athex ha perso quasi il 90% rispetto al suo massimo di sempre registrato nel 2007: per ritrovare nel tempo un crollo di questo tipo bisogna risalire a quanto fatto dal Dow Jones nel periodo della Grande Depressione. Osservando i grafici storici dell’indice greco si può notare la netta discesa iniziata nel 2010; eppure c’è chi potrebbe trovare interessante per i suoi investimenti una situazione di questo tipo: proprio pochi giorni fa il Meccanismo europeo di stabilità ha dato il via libera ai 2,8 milioni di euro che fanno parte della seconda tranche di aiuti finanziari a favore della Grecia; l’esborso è stato autorizzato perché il Governo ellenico ha fatto grossi passi in avanti per quanto riguarda la ristrutturazione dei settori bancario, pensionistico, energetico e della riscossione delle entrate; se il Paese continua a portare avanti le riforme che sono state concordate nel programma, la sua economia non potrà che beneficiarne e accelerare.