Trading gas naturale

Trading Online Gas Naturale: come fare trading, quotazione e previsioni prezzo

Fare trading online, al giorno d’oggi, è diventato piuttosto comune come cosa. Tra le tante opzioni di investimento abbiamo il petrolio, l’oro e anche il trading online gas naturale ed è proprio di quest’ultimo che ci occuperemo nell’articolo odierno. Quando si parla di gas naturale, va specificato che la sua composizione è formata soprattutto dal metano, anche se in realtà ci sono componenti minori quali etano, propano, pentano e butano. Vedremo insieme, quindi, come fare a fare trading tramite le numerose piattaforme online, qual è la sua quotazione al momento e quali sono le previsioni future sul prezzo.

Quotazione gas naturale con grafico

Trading Online Gas Naturale: come fare trading

Quando si parla di trading commodities è più che ovvio parlare anche di investimenti sul gas naturale. La pratica di questa negoziazione è adatta specialmente per i broker più esperti e navigati, dato che la volatilità del prezzo legato al gas naturale può comportare rischi elevati. Allo stesso tempo, però, può consentire di effettuare notevoli guadagni in rapide operazioni giornaliere. I modi per procedere inerenti al gas naturale sono la negoziazione di futures oppure di ETF.

Un modo è quello di fare trading in futures sul gas naturale attraverso i broker online. Un esempio è il popolare broker Plus 500 (il tuo capitale è a rischio) che permette di fare trading di contratti su gas naturale. Plus500 è completamente gratuito, non applica commissioni ed è facile da utilizzare. E’ disponibile un conto demo (completamente gratuito) con cui è possibile fare trading con soldi virtuali, in modo da prendere confidenza con la piattaforma e incrementare le proprie conoscenze di trading.

>>Per aprire un conto gratis con Plus500 clicca qui.

Oltre a Plus 500, comunque, potreste scegliere anche Markets.com come piattaforma online. Markets.com propone ai suoi broker l’investimento in CFD su azioni, materie prime e pertanto anche sul gas naturale. Il livello di conoscenza è adatto per soddisfare le esigenze degli investitori più esperti, ma anche di quelli di più recente introduzione nel mondo del trading online.

Per aprire un conto gratis su Markets clicca qui.

Conoscere a fondo il mercato del gas naturale è molto importante per capire le dinamiche dei prezzi nel trading di questa importantissima materia prima e per analizzare per tempo determinati avvenimenti di portata mondiale che possono influenzare un investimento fatto online.

Le repentine variazioni (dunque l’estrema volatilità) possono essere molto drastiche e quindi si consiglia di seguirle con molta attenzione dato che possono portare eccellenti guadagni sia che si esegua un investimento giornaliero, sia che si faccia trading online a lungo termine, con l’obiettivo di monetizzare in futuro.

Al fine di investire a lungo termine oppure di fare trading online sul breve termine, è importantissimo avere bene in mente, almeno a grandi linee, quali fattori influenzano il prezzo del gas naturale sul mercato globale.

Va considerato, ad esempio, il fattore atmosferico dei paesi che comprano o consumano. Dato che il gas naturale viene utilizzato soprattutto per riscaldare, un inverno con temperature molto alte non può che far scendere la domanda e, di conseguenza, anche il prezzo del gas scenderà.

Un altro fattore da tenere sotto controllo è senza ombra di dubbio il prezzo del petrolio, che influenza per diversi motivi praticamente tutte le materie prime. Il prezzo del gas e il prezzo del petrolio vanno di pari passo perché gas e petrolio si trovano nei medesimi giacimenti quindi quando viene richiesto più petrolio, ci sono anche più giacimenti di gas.

ETF sul gas naturale

Le quotazioni del gas naturale oscillano negli ultimi tempi tra il valore di 5 dollari e 2,5 dollari. Tranne qualche raro rialzo questo è il range medio su cui si muovono i valori massimi e minimi del gas naturale. Nonostante questo esistono in ogni caso degli eccellenti margini per ottenere dei benefici in termini di guadagno dato che molti broker permettono di operare con leve anche molto azzardate. Anche in questo caso il consiglio è sempre quello di fare trading con estrema parsimonia perché agendo in questo modo (con leve alte) si può ottenere di più e si possono originare perdite significative per il proprio investimento.

I broker più esperti spesso scelgono di fare trading su gas naturale attraverso dei futures sugli ETF, ossia gli Exchange Traded Funds. Gli ETF non sono altro che fondi comuni d’investimento, negoziati all’interno dei mercati e caratterizzati da una gestione passiva dato che mutuano l’andamento di un indice. Avendo a disposizione questi strumenti è possibile fare trading a costi ridotti in molti settori dell’economia mondiale: dalla pura e semplice liquidità ai mercati obbligazionari, dai mercati azionari alle materie prime come oro, petrolio e, per l’appunto, gas naturale.

Gli ETF inerenti alle materie prime replicano gli indici di una materia prima accuratamente scelta dal broker.
Tra i vantaggi dell’investimento in gas naturale tramite ETF c’è quello di ottenere informazioni minuto per minuto e dalla loro stabilità rispetto allo stock individuale. Grazie ad essa si dispone di una notevole scelta di stock per contrastare un momento di particolare volatilità del mercato, dove si può perdere denaro in poco tempo.

La migliore piattaforma per il trading con ETF è Plus500: clicca qui per tutti i dettagli.

Trading Online Gas Naturale: quotazione e previsioni prezzo

Andamento prezzi e previsioni gas naturale

L’andamento del gas naturale si è avviato a una chiusura di 2016 in forte ribasso, con il prezzo tirato giù dalla minore domanda di riscaldamento. La ragione di questo calo è semplicissima: c’è stato un inizio di inverno molto meno rigido del previsto. La quotazione del gas naturale è strettamente legata all’andamento delle temperature su scala mondiale ma in particolar modo nel mercato U.S.A. dove il suo utilizzo è estremamente maggiore rispetto alle altre nazioni. L’arrivo di un clima più caldo del previsto ha causato un’inversione del trend che vedeva il gas naturale in rialzo in precedenza e che ha caratterizzato la maggior parte dell’anno. I prezzi più alti si erano raggiunti proprio in corrispondenza di un forte calo della domanda.

Le previsioni per il 2017 si erano già orientate verso temperature al di sotto della media per il primo periodo dell’anno, anche se l’escursione non sarà significativa. L’ultima stima della MDA Weather Services, però, le ha ridotte ancora di più, dai 5 ai 10 gradi Fahrenheit nella parte est degli Stati Uniti d’America, dove circa metà della popolazione si serve di gas naturale per riscaldarsi. Le aspettative per il breve termine divergono rispetto a quelle di lungo periodo, dove è previsto il ritorno di temperature ben al di sotto la media stagionale. In questo modo il mercato può spingere al ribasso la quotazione della commodity.

Il prezzo del gas naturale è quindi nella zona media e si pone in un contesto di consolidamento dopo l’alta volatilità (ossia l’oscillazione in su e in giù) degli ultimi tempi. La resistenza a 3,57 dollari sarà il target medio durante gran parte del 2017, sempre tenendo conto delle variabili e dell’elevata volatilità. Il MACD segnala il possibile inizio di una fase discendente e l’abbattimento delle medie mobili potrebbe essere la premessa per il ribasso a 3,04 dollari, uno dei livelli maggiormente raggiunti durante l’intero periodo. Altri istituti di analisi mostrano tuttavia alcune previsioni sul prezzo del gas naturale che lasciano ancora aperte tutte le possibilità, per quanto l’inerzia di fine anno sembra aver ormai preso i connotati tipici del ribasso. Questo almeno per ciò che concerne la parte più rigida dell’inverno (dunque la primissima tranche) e non la seconda. Come già detto, comunque, le previsioni non possono tener conto di alcune imprevedibili varianti meteorologiche.