Investire in Diamanti

Con la crisi mondiale e la crescente sfiducia nel mondo finanziario, e specialmente nelle banche, sempre più risparmiatori si affacciano su metodi differenti di investimento, come Oro, Argento e Diamanti. Si tratta di beni di lusso, difficili da reperire, e che per questo mantengono sempre stabile il loro valore, acquistandone nel tempo.
Sono i cosiddetti beni rifugio, che acquistano valore soprattutto in momenti di crisi, quando sono gli unici investimenti sicuri su cui ripiegare. Certo, fare investimenti in Oro o Diamanti non è la stessa cosa che sottoscrivere obbligazioni alle Poste. Qui il terreno diventa scosceso e complesso, pieno di trappole e con molte cose da sapere prima di avventurarcisi.

INVESTIRE IN DIAMANTI

investire in diamantiI diamanti hanno da sempre affascinato gli uomini, per la loro bellezza e rarità, e per il tratto distintivo che danno a chi li possiede. Possedere diamanti significa vivere nel lusso, far parte dell’elité. Ma per quanto riguarda gli investimenti?

È possibile fare investimenti in diamanti, da soli, scelta alquanto sconsigliabile a meno che non si sia esperti del settore, e comunque pronti a rischiare anche molto, o tramite istituti di credito che forniscono questa possibilità.
Innanzitutto è necessario sapere che il valore di un diamante è dato dal suo peso, dalla richiesta del mercato per quel determinato tipo di diamante, dalla difficoltà di estrazione. Per esempio, la pezzatura che va per la maggiore è quella da mezzo carato, che normalmente viene rivenduta sui 2.000€. Si tratta di un articolo facile da rivendere, ma che per questo può presentare dei margini sulle transazioni molto alti, con perdite nel breve periodo fino al 20% del valore stesso.

Mentre, per i diamanti da 2 carati, di valore intorno ai 40.000€, sicuramente c’è molto meno mercato, ma subiscono meno variazioni di prezzo sul breve termine e rappresentano un investimento molto sicuro. I diamanti sono quotati in dollari americani sulle borse di New York, Londra ed Anversa, la loro compra-vendita non comporta il pagamento di tasse, e ovviamente, per qualsiasi tipo di operazione con essi, è necessario che siano stimati e certificati da una delle agenzie preposte a questo tipo di operazione.

Le stime riguardano colore, purezza, qualità del taglio e certificazione del peso, che deve essere tra il mezzo carato e i due carati esatti. Essendo quotati in dollari, la loro compra-vendita comporta il rischio di svalutazione monetaria, quando per esempio si acquistano in Euro o con un’altra moneta. Il cambio tra la propria moneta ed il Dollaro americano, è sicuramente un aspetto da tenere bene sotto considerazione. Un altro aspetto fondamentale è che quando si fanno investimenti in diamanti, si tratta di investimenti a lungo termine, dieci o vent’anni, prima dei quali difficilmente si riuscirà a guadagnare sul capitale investito.

INVESTIRE IN DIAMANTI CON UBI BANCA

Uno degli istituti di credito che propone investimenti in diamanti in Italia, è UBI Banca, che propone a tutti i propri clienti titolari di un conto corrente, di poter acquistare un diamante classificato IF, senza impurità, o Triple Excellent, senza fluorescenza ed eccellenti per simmetria, finitura e proporzioni. Tutti i diamanti offerti dalla banca sono certificati Conflict Free e Child Labour Free, tramite la Diamond Love Bond, con le garanzie anche di Ubi Banca sulla qualità del prodotto, e la possibilità di tenerli in custodia presso le cassette di sicurezza dell’istituto di credito.