Cacao Trading Online: come comprare e investire, quotazione e previsioni

Quando si sente nominare la parola cacao quasi tutti pensano immediatamente ad una golosa barretta di cioccolato, ma basta riflettere qualche istante in più per realizzare che questa materia prima è anche un valore in Borsa su cui è possibile investire e fare trading online: scopriamo come e con quali strumenti e vediamo qual è la quotazione attuale e quali sono i fattori che possono influenzarne l’andamento prima di provare a fare delle previsioni per il prossimo futuro.

Perché investire nel cacao con il trading?

Prima di spiegare come è possibile investire nel cacao vediamo perché potrebbe essere conveniente farlo. Molti trovano questa materia prima particolarmente interessante perché considerano che il suo valore sia destinato ad aumentare, dato che il consumo mondiale ha superato i quantitativi di produzione e questo saldo negativo sembra essere destinato a crescere (la domanda continua ad incrementare ogni anno di circa due o tre punti percentuali e non sembra destinata a fermarsi, mentre le quantità prodotte registrano un declino): ovviamente questo è il ragionamento che fanno coloro che sono interessati a fare investimenti di medio-lungo periodo.

La regolazione degli scambi fisici e dei contratti a termine spetta al London Financial Futures and Options Exchange (LIFFE), mercato londinese che appartiene alla Borsa NYSE – Euronext. Gli scambi avvengono anche sul mercato statunitense New York Board of Trade (NYBOY), dove avvengono almeno tre milioni di transazioni all’anno che riguardano svariate tonnellate di cacao. Tramite questi mercati è possibile investire sul cacao anche dall’Italia.

Fare trading online sul cacao, come abbiamo già visto per altre materie prime come il palladio, permette inoltre di diversificare il proprio portafoglio: l’andamento della quotazione di questa materia prima non sempre segue la tendenza degli altri mercati. Per chi vuole ottenere dei profitti in breve termine i broker online mettono a disposizione alcuni strumenti finanziari (i più utilizzati sono i contratti per differenza, ma ne parleremo più avanti) che permettono di speculare sia al rialzo che al ribasso, offrendo interessanti opportunità di guadagno ai trader.

Produzione e fattori che influenzano il valore del cacao

La produzione del cacao ha la particolarità di essere molto centralizzata: circa il 70% di questa materia prima arriva infatti dall’Africa occidentale, con la Costa d’Avorio che detiene il ruolo di primatista con una percentuale che supera i 40 punti, seguita dal Ghana. Il rimanente 30% viene prodotto in America del Sud (soprattutto in Brasile) e in Indonesia. Il prodotto parte da questi Paesi sotto forma di fave di cacao, mentre la lavorazione successiva avviene nei Paesi industrializzati che lo importano; i maggiori consumatori sono l’Europa, il Nord America e il Giappone.

Il prezzo del cacao viene influenzato da molti fattori; al di là delle condizioni economiche globali, la quotazione della materia prima può subire gli effetti di quanto accade nei Paesi produttori. Da questo punto di vista incide molto il clima: bisogna considerare che la coltivazione del cacao non è né semplice né particolarmente redditizia (un frutto raggiunge la maturazione dopo 5/6 anni e ogni quarto di secolo le piante devono essere sostituite perché non sono più produttive) e l’aumento delle temperature legato al riscaldamento globale renderà il tutto più difficile, senza dimenticare che si ridurrebbero anche le riserve d’acqua delle piante. Anche la presenza di conflitti o la diffusione di malattie (sia tra i lavoratori che tra le piante) nei Paesi produttori possono avere conseguenze sul prezzo del cacao. Per questi motivi alcune grandi aziende attive nella produzione di prodotti a base di cacao stanno investendo molto sull’innovazione, nella speranza di arrivare allo sviluppo di nuove varietà più resistenti.

Come fare trading online sul cacao e altre materie prime: quotazione e previsioni

È possibile fare trading online sul cacao grazie alle piattaforme di negoziazione messe a disposizione dai broker online; gli strumenti più utilizzati cono i CFD. Sulle pagine di questo sito abbiamo ampiamente parlato di questi prodotti finanziari derivati che replicano perfettamente il prezzo del sottostante (questo vuol dire che se la quotazione del cacao subisce una variazione, anche il prezzo del CFD subisce la stessa modifica); l’obiettivo del trader è naturalmente quello di ottenere un profitto con la differenza del valore del sottostante che matura dal momento di acquisto a quello di vendita. Tra i broker che consentono di fare trading online sul cacao tramite CFD possiamo segnalare Markets.com e Plus500: entrambe le piattaforme mettono a disposizione dei propri iscritti la possibilità di sfruttare il conto demo per fare un po’ di pratica in modo da comprendere meglio il meccanismo del mercato, le potenzialità dello strumento e le funzionalità della piattaforma senza rischiare soldi veri. Sia Plus500 che Markets sono completamente gratuite e non applicano commissioni.

Iniziare a fare trading online di cacao è semplice: basta aprire un conto di trading su Plus500 o Markets e si può cominciare da subito a operare sul cacao come su moltissime altre materie prime e asset finanziari. Per aprire un conto bastano solo 100 euro. E’ possibile operare in modalità demo, in questo caso il denaro utilizzato è virtuale e non si deve quindi depositare nulla.

>> Clicca qui per iscriverti su Plus500.

>> Clicca qui per iscriverti su Markets.

La quotazione attuale del cacao è di 2163 dollari per tonnellata; in questo periodo la valutazione della materia prima sta attraversando un trend ribassista. In Nord America e in Europa sono diminuite le quantità lavorate (solo in Asia si registra un incremento) e le condizioni climatiche in Africa Occidentale fanno pensare ad un possibile florido raccolto; i prezzi più bassi che si registrano in questo momento potrebbero però stimolare la domanda che dovrebbe incrementare in modo sensibile nella seconda metà di quest’anno.