Stop loss e take profit: cosa sono e come funzionano

Quante volte leggendo un articolo o una guida relativa al trading online e al mondo degli investimenti in generale ci si imbatte nei termini Stop Loss e Take Profit? Molto spesso, ma non tutti quelli che sono alle prime armi in questo ambito sanno cosa sono e come funzionano. Potremmo iniziare dicendo che si tratta di due strumenti fondamentali per la massimizzazione dei guadagni e la mitigazione del rischio.

Leggi tutto

Come investire in valute

Investire in valute conviene davvero? Cerchiamo di scoprirlo insieme in questa “guida definitiva”.

Il trading online ormai ha spopolato in tutti i paesi, diventando una vera e propria consuetudine per moltissime persone in tutto il Mondo. Grazie alle opzioni binarie ed ai nuovi sistemi di trading sulla rete, con i programmi da usare su pc, tablet o smartphone, oggi chiunque può diventare un vero e proprio trader, ed anche se diventare ricchi con questo sistema è molto difficile, è possibile comunque farlo diventare un secondo lavoro od un hobby.

Leggi tutto

Investire in borsa: giocare online con il trading

Hai sentito di persone che guadagnano molti soldi in borsa e hai deciso di capirci qualcosa in più? Se sei arrivato in questa pagina è perché avrai cercato sul web come giocare in borsa, o qualcosa di simile. Per fortuna sei capitato nel posto giusto perché quella che segue è la più completa guida in italiano dedicata a questo argomento. Qui di seguito troverai tutte le informazioni che ti occorrono per muovere i primi passi nel mondo degli investimenti finanziari e diventare, così, un trader professionista!

Leggi tutto

Come investire online su azioni Amazon

Sono davvero molte le persone che quando decidono di investire in azioni puntano soprattutto nelle grandi società: tra quelle statunitensi spiccano quelle quotate al Nasdaq e una delle osservate speciali è senza alcun dubbio Amazon; nel giro di pochi anni quella che era una semplice libreria online è riuscita a trasformarsi in un impero presente in ogni angolo del globo: oggi vediamo come investire online su azioni Amazon.

Chi è Amazon, il gigante dell’e-commerce

Si potrebbe dire che per Amazon non c’è bisogno di presentazioni: più o meno tutti conoscono questa grande realtà dell’e-commerce, la cui presenza si fa sentire in tutto il mondo. Partita nel 1995 come sito di vendita di libri online, piano piano il suo catalogo si è allargato, aggiungendo prima CD e DVD, poi software, videogiochi, giocattoli, prodotti di elettronica, piccolli elettrodomestici e così via, fino a diventare una sorta di emporio dove è possibile trovare davvero di tutto, grazie anche ad una fitta rete di partnership e un complesso sistema di affiliazione che permette ai venditori indipendenti di ricevere una commissione per ogni prodotto venduto da Amazon grazie ai link sui loro siti.

La sede principale di Amazon si trova a Seattle; nella stessa città statunitense sono dislocati anche altri uffici della ditta fondata da Jeff Bezos, ma la grandezza del gigante dell’e-commerce è testimoniata dalle numerose sedi presenti in Europa (Milano in Italia, Slough in Inghilterra, Parigi in Francia, Monaco di Baviera in Germania e Dublino in Irlanda) e in Asia (Tokyo e Pechino), a cui si aggiungono i centri di sviluppo del software sparsi più o meno su tutto il pianeta e gli innumerevoli magazzini e centri di smistamento (solo negli Stati Uniti ce ne sono 25, uno in Messico, una trentina in Europa, di cui due in Italia, e più o meno altrettanti in Asia, tra Cina, Giappone e India).

La maggior parte del volume di affari di Amazon si realizza negli Stati Uniti, ma il suo successo anche in altre parti del pianeta ha portato la società ad essere uno dei leader mondiali per quanto riguarda la distribuzione online dei prodotti di massa. Il percorso di allargamento intrapreso dalla ditta di Seattle non sembra essersi concluso: la propensione a nuove sfide è una delle caratteristiche della creatura di Bezos, così come anche la capacità di capire e ammettere l’errore e fare un passo indietro quando si intraprende la strada sbagliata (il flop del Fire Phone se lo ricordano ancora dalle parti di Seattle). Tra i nuovi settori in cui Amazon intende espandersi ci sono quello dei servizi on demand e soprattutto quello dei servizi cloud, che è dove è stata individuata le maggiori potenzialità di crescita.

Valore e andamento del titolo Amazon in Borsa

Nel momento in cui scriviamo le azioni Amazon sono quotate 780,47 dollari, in netto calo rispetto a circa un mese fa (a metà ottobre toccarono un valore di 844 dollari), ma ben al di sopra del prezzo di un anno fa (intorno ai 675 dollari). Nei primi dieci mesi del 2016 le azioni Amazon hanno registrato una crescita importante: il coraggio e la strategia di diversificazione si sono mostrati delle armi vincenti. Il calo dell’ultimo mese (da cui le azioni Amzon si stanno comunque riprendendo) è legato alla relazione finanziaria trimestrale rilasciata a fine ottobre 2016: i risultati sono stati positivi, ma non hanno superato le aspettative degli analisti; nonostante un aumento dell’utile netto e dei ricavi, il titolo della società ha perso molto terreno (registrando anche un -6,3%).

Ma c’è comunque ottimismo: i risultati positivi ma non (a quanto pare) abbastanza esaltanti sono dovuti ad un aumento delle spese operative, cresciute oltre il 30%, legato soprattutto all’apertura di nuovi centri di distribuzione nel mondo (uno anche a Roma). Si potrebbe quindi parlare di investimenti che potranno portare a risultanti interessanti. D’altronde le azioni Amazon spesso vengono inserite in quella ristretta cerchia di titoli che un investitore dovrebbe avere in portafoglio, mantenendoli anche a lungo termine. C’è chi ancora nutre dei dubbi sul settore delle vendite online, ma l’e-commerce è ormai una realtà ben consolidata e destinata a crescere ulteriormente e ad espandersi anche in quelli che al giorno d’oggi vengono considerati Paesi emergenti. Alcuni analisti affermano che l’e-commerce cresce ad un ritmo più veloce di quello dell’economia globale e che questo trend è solamente all’inizio del suo cammino.

Come investire in azioni Amazon online

Ad ogni modo ci sono diversi modi per speculare e investire online su azioni Amazon; il possesso dei titoli (acquistabili anche tramite le banche e i loro conto-titoli) può offrire delle buone opportunità di guadagno sotto forma di dividendi, ma si possono ottenere dei risultati anche senza detenere le azioni Amazon, speculando sulle fluttuazioni e l’andamento della loro quotazione. Per fare questo si può ricorrere ai prodotti finanziari derivati come CFD e opzioni binarie messe a disposizione dai broker online (non ci stancheremo mai di ripeterlo: bisogna affidarsi solo a soggetti sicuri e regolamentati!). Per capire i movimenti delle azioni Amazon bisogna tenere presente alcuni fattori, come ad esempio la pubblicazione dei risultati dell’azienda (a seconda della loro positività o negatività, la quotazione dei titoli può salire o scendere con grandissima rapidità), il lancio di un nuovo prodotto o di un nuovo servizio, l’acquisizione di una nuova società, lo stato di salute dell’industria Internet nel suo complesso e la tendenza generale del Nasdaq.

Il miglior broker per operare sulle azioni Amazon è Plus500: puoi cliccare qui per visualizzare grafico e quotazione Amazon offerti da Plus500. Plus500 è un broker affidabile, sicuro, onesto e soprattutto gratuito, visto che non applica commissioni di nessun tipo e non ci sono costi fissi. Plus500, inoltre, mette a disposizione gratuitamente un conto demo con cui puoi esercitarti a operare sui mercati senza rischiare assolutamente nulla. Clicca qui per aprire subito il tuo conto.

Migliori Libri per il trading online

Spesso leggere un bel libro è la soluzione migliore per poter ottimizzare la propria formazione, specialmente se siamo interessati ad operare nel settore del trading online, dove le cose da imparare sono tantissime. Investire su se stessi, infatti, permette di ottimizzare al massimo i risultati che si andranno ad ottenere. Qualsiasi sarà il proprio percorso professionale e di vita, infatti, la formazione acquisita sarà un valore aggiunto che ci accompagnerà per sempre.

Leggi tutto

Dove fare trading online in modo sicuro

Tra le domande che riceviamo più spesso una delle più ricorrenti è proprio dove fare trading per iniziare? Qual è il miglior broker per chi è alle prime armi? Per prima cosa va detto che qualsiasi sia il tuo livello (principiante o professionista) devi fare trading solo ed esclusivamente con broker professionali e autorizzati dalla CySEC. Solo in questo modo, infatti, avrai la sicurezza di poterti avvalere di strumenti dedicati e di non mettere a rischio i tuoi soldi.

Essendo la scelta del broker una cosa molto soggettiva noi tendiamo a consigliare solo le piattaforme di cui siamo sicuri al 100%. Se segui il nostro sito sai che apprezziamo particolarmente markets.com, uno dei migliori broker europei, che oltre ad essere autorizzato CySEC e anche quotato alla borsa di Londra.

Se non dove iniziare a fare trading online Markets.com potrebbe essere davvero la soluzione giusta per via dell’eccellente condo demo. In sostanza questo broker permette di potersi registrare senza versare neanche 1 euro e di poter testare le proprie capacità, imparare a eseguire solo gli ordini che portano un effettivo guadagnano e, insomma, fare esperienza preziosa.

Una volta che si è potuto sviluppare un metodo efficiente per fare trading con successo a quel punto si potrà passare ad un conto reale, versare dei soldi (che andranno a rappresentare il proprio capitale) e cominciare a investire sui mercati finanziari come un professionista.

Ecco spiegato, in sintesi, perchè alla domanda dove cominciare a fare trading online siamo soliti consigliare il broker Markets piuttosto che altri. Ovviamente bisogna analizzare anche altri aspetti. Markets.com, infatti, è anche una piattaforma dove conviene iniziare a fare investimenti perchè non applica commissioni fisse sulle singole operazioni.

Questo è un aspetto molto importante perchè, nella fase iniziale, capita spesso di effettuare ordini che hanno un guadagno molto limitato. Guadagno che poi viene mangiato, spesso, dalle commissioni dei broker. Con questa piattaforma di trading, invece, non essendoci commissioni il guadagno ottenuto sarà assolutamente netto. Allo stesso tempo va detto che ci sono altri eccellenti broker con cui vale la pena cominciare.

A detta di molti, ad esempio, il miglior sito dove fare trading è 24option, prestigioso broker di opzioni binarie di cui più volte vi abbiamo parlato. Un’altra eccellente alternativa per cominciare a fare investimenti su valute, azioni e materie prime è Markets.com, anch’esso specializzato in trading con i cfd. Insomma come puoi vedere le possibilità che il mercato ci offre sono differenti. Tutti questi broker sono eccellenti e ci sentiamo di consigliarli a tutti quelli che si domandano dove fare trading in modo profittevole e sicuro.

Quello che ci teniamo a sottolineare, però, è di non smettere mai e poi mai di testare. Usa i conti demo fino a quando non otterrai dei risultati soddisfacenti e solo a quel punto passa ad investire in modalità reale. Ricorda che un approccio prudente al trading è un approccio che ti porterà a guadagnare soldi sul lungo periodo!

 

Trading: quando non bisogna esagerare?

forex tradingIl trading se fatto con passione è divertente e appagante. Spesso ciò che ci diverte e ci appaga può diventare anche pericoloso col tempo in quanto può portarci alla dipendenza. Non sono rari i casi verificati di dipendenza da mercato borsistico, spesso le persone si sono fatte prendere la mano e hanno modificato la propria vita avendo come parametro principale il trading. Non stiamo scherzando è davvero così! Pensateci il meccanismo che è alla base è simile a quello di una scommessa, salirà o scenderà questo grafico? Quante vittime fanno le scommesse ogni anno? Vittime intese come persone assuefatte e che hanno il vizio del gioco?

Leggi tutto